FANDOM


Dune è un romanzo fantascientifico scritto da Frank Herbert, in prima istanza suddiviso in otto parti, poi riunito per essere pubblicato in un tutt'uno nel 1965. Il successo di tale creazione si riconobbe fin da subito, grazie in particolare al fatto che porto il suo autore a vincere i due premi più importanti nella letteratura fantascientifica, ovvero il Nebula e lo Hugo. Al di là dei riconoscimenti da parte della critica, Dune è però riconosciuto come un vero e proprio "punto zero" della fantascienza moderna o contemporanea, dato che riuscì ad attirare l'interesse delle masse tanto che, in diversi periodi del ventesimo secolo e non solo, ha raggiunto il titolo di opera fantascientifica più venduta della storia. Successo che infatti si perpetrò in ben altri cinque sequel, scritti anch'essi dallo stesso Herbert, un interessamento da parte di Hollywood che sfociò nello stupendo film di David Lynch, "Dune" appunto, e due serie tv nate agli inizi del ventunesimo secolo, nonché numerosi vidogiochi ad esso dedicati, senza contare il tentativo di revival da parte del figlio dell'autore, Brian Herbert, e di Kevin J. Anderson, i quali si immedesimarono in una serie di prequel.

Per quel che riguarda il corpus storico, l'intreccio del romanzo, Dune si sviluppa in un universo futuristico, circa 8.000 anni oltre i nostri tempi attuali, ove l'umanità, intesa come razza, si espansa per pianeti e sistemi stellari, generando un vero e proprio impero di origine feudale, ove il potere è suddiviso in diverse caste o famiglie nobiliari a fare da controllori, tutte sottomesse al potere però della famiglia Corrino. Il protagonista principale della storia è Paul Atreides, figlio del Duca Leto della Casa Atreides stabilitasi da tempo sul pianeta Caladan. Costui, all'inizio della storia, si trasferisce sul pianeta Arrakis per ordine dell'Imperatore insieme alla sua famiglia, luogo ove viene estratta la vera ricchezza dell'Impero. Si tratta di una sorta di droga o, più precisamente, di una spezia che porta il nome di Melange, la quale ha delle caratteristiche e dei poteri particolari in grado di renderla materia prima tra le più desiderabili dell'universo intero, utilizzata principalmente dalla famigerata Gilda Spaziale.

In un anfratto assai intrecciato di economia, politica, ecologia, religione e filosofia, Paul si troverà ad avere a che fare con un popolo primitivo ed indigeno di Arrakis, ovvero i Fremen, con ed attraverso i quali giungerà ad una più alta consapevolezza di sé e del suo retaggio, con cui alla fine deciderà di spingersi contro i poteri forti dell'universo, ovvero l'Imperatore Padishah, la Gilda Spaziale, la casa rivale Harkonnen e la casta sacerdotale delle Bene Gesserit a cui la madre appartenne.

Sinossi Modifica

Struttura di Dune Modifica

Migliaia di anni in là nel futuro, l'umanità si è riuscita ad espandere un po'per tutta la galassia, colonizzando milioni di pianeti e fondando un ordine basato su di una gerarchia aristocratica, Case Nobiliari riunite tutte sotto l'egida della famiglia imperiale Corrino. La chiave del controllo è il pianete Arrakis, unica fonte della preziosissima spezia, il Melange, la quale ha il potere di estendere la vita in longevità ben oltre i limiti naturali e concedere poteri extrasensoriali. Ma soprattutto il Melange è essenziale per la tecnologia di viaggio spaziale, il che è controllato e dominato dalla potentissima Gilda Spaziale; infatti, i suoi Navigatori utilizzano la spezia per "annullare lo spazio" ovvero, grazie ai poteri di prescienza da essa consentiti, essi riescono a guidare le loro navi attraverso l'universo senza che queste si spostino, ma, appunto, cancellando lo spazio che vi è tra il punto di partenza ed il punto di arrivo.

Diecimila anni prima che la storia di Dune cominci, la razza umana decise di liberarsi di tutte le macchine dotate di autocoscienza in quella che è chiamata la Jihad Butleriana, durante la quale ogni singolo robot fu distrutto, così come i computer, le macchine pensanti, nonché i sistemi di navigazione prescienti. A causa di ciò, fu necessario sostituire tali sistemi ed i supporti con gli addetti alla navigazione della Gilda Spaziale. Per quel che riguarda le funzioni dei computer, esse furono prese in mano da coloro che da quel momento furono conosciuti come Mentat, esseri umani che, attraverso un sistema di addestramento assai intensivo, impararono ad aumentare le proprie capacità logiche e calcolatorie, trasformandosi di fatto in "computer fatti di carne".

La spezia si fa però importante anche per un ordine sacerdotale matriarcale noto come Bene Gesserit. Costoro alle quali il più delle volte ci si riferisce con il titolo di "streghe", posseggono poteri mentali e spirituali assai potenti, resi sempre più efficaci poi dalla loro tradizione atta al controllo genetico delle nascite, portato all'estremo col fine preciso di avere esseri sempre più perfetti e potenti. La loro principale capacità è quella di riuscire a controllare mentalmente le proprie vittime. Quando poi una Bene Gesserit diventa abbastanza forte ed esperta per il rango di Reverenda Madre, ella sottopone sé stessa ad un pericolosissimo processo noto con il termine di Agonia. Attraverso di essa, ovvero l'assunzione di un potentissimo narcotico omonimo, esse possono avere accesso alle loro memorie ancestrali, acquisire dunque le conoscenze di tutte le loro antenate, divenendo così un tutt'uno con esse. In segreto però le Bene Gesserit covano un ennesimo scopo, ovvero quello di giungere, nel corso di secoli di eugenetica, alla creazione di un superuomo presciente, un maschio in tutto e per tutto equivalente ad una Reverenda Madre: il Kwisatz Haderach, impossibilitato a differenza di una femmina a resistere all'Agonia, ma comunque in grado di controllare mentalmente lo spazio ed il tempo.

La sede d'origine della spezia, il pianeta Arrakis, è composto da un ecosistema completamente desertico, ostile alla maggior parte delle forme di vita, tranne che per alcune specie assai resistenti e fameliche, nonché una popolazione umana nota come Fremen. In quest'ultima, i leader di ogni tribù sono scelti attraverso apposite selezioni di combattimento, mentre la sua cultura si compone di alcuni complessi rituali e sistemi che riguardano principalmente la conservazione dell'acqua, assai preziosa in un ecosistema così arido. Infatti i Fremen cercano di raccogliere l'acqua in numerose maniera, tra cui quella della distillazione dei loro stessi morti, permettendo eticamente il pianto, considerato uno spreco d'acqua, solo ed esclusivamente come forma di onore nei confronti di un caduto. Ovviamente, la loro cultura gira attorno alla spezia, creata attraverso il processo vitale dei giganteschi vermi della sabbia che infestano l'intero pianeta. Il contatto poi con le missionarie Bene Gesserit ha implementato in loro il culto di un Messia, colui che secondo la profezia giungerà e trasformerà Arrakis in un mondo abitabile per l'umanità.

Trama Modifica

L'Imperatore Padishah Shaddam Corrino IV giunse, nell'incipit della storia di Dune, a temere la Casa Atreides, comandata dal noto con una fama in crescita Duca Leto Atreides, le cui forze belliche e le conoscenze tecnologiche avevano cominciato a mettere paura persino al corpo imperiale dei Sardaukar. Per questo, la casa imperiale decise di distruggere definitivamente gli Atreides per eliminare alla base il problema, ma per evitare il rischio di essere vista come portatrice di morte e ingiustizia dalle altre case nobiliari, l'Imperatore stesso ordì un complotto, invitando la Casa rivale degli Atreides, gli Harkonnen, ad attaccare i suoi nuovi nemici. In quanto storicamente rivale del Duce, il Barone Vladimir Harkonnen accettò di buon grado la proposta segreta di Shaddam. Così, al fine di rendere la loro eliminazione più semplice, l'Imperatore si dimostrò fintamente generoso, concedendo agli Atreides il controllo del pianeta Arrakis e, quindi, dell'estrazione della spezia. Intersecati con i piani dell'imperatore, i progetti delle Bene Gesserit si fecero ancor più oscuri, in particolare per il fatto che il figlio del Duca Leto, Paul, era stato in principio parte integrante del loro progetto di nascite programmate, con un unico intoppo: egli sarebbe dovuto nascere femmina. Infatti, sempre alla ricerca del Kwisatz Haderach, il loro programma avrebbe dovuto vedere un maschio Harkonnen ed una femmina Atreides unirsi in un matrimonio combinato atto a mettere fine alla stupida rivalità tra le due case. Ciò però, come già accennato, non avvenne in quanto la concubina del Duca Leto, Lady Jessica, anch'ella una Bene Gesserit, decise di accontentare il suo amato donandogli un figlio maschio (infatti le Bene Gesserit sono anche in grado di decidere il sesso del bambino giacente nel proprio grembo al concepimento).

Ingannati, gli Atreides si ritrovarono così impossibilitati dal resistere ad un massiccio attacco degli Harkonnen, tra l'altro questi ultimi coadiuvati da numerose truppe imperiali. Catturato, il Duca Leto morì poi nel tentativo di assassinare il Barone rivale, fallito miseramente. Fortunatamente, il figlio Paul e la concubina Jessica fuggirono nel deserto e là incontrarono una banda di Fremen, feroci guerrieri in grado di domare i vermi del deserto. Velocemente essi divennero parte della comunità e, grazie alle loro capacità estratte dal culto Bene Gesserit, raggiunsero i posti più alti della gerarchia. Lady Jessica, nonostante fosse incinta, si sottopose all'Agonia bevendo l'Acqua della Vita e divenne così una Reverenda Madre; così, invece che ottenere solo lei stessa le conoscenze ancestrali del suo ordine, capitò anche a sua figlia Alia ancora occupante il grembo materno. Paul, assuefatto dalla spezia, potenziò notevolmente le proprie capacità, divenendo ben presto la guida ufficiale di tutti i Fremen i quali videro da subito in lui colui che era stato previsto dalla loro profezia, il Messia tanto atteso. Da quel momento egli divenne la più pericolosa minaccia per gli Harkonnen e per l'Impero, così come alcuni Navigatori della Gilda Spaziale avevano previsto, assumendo il nome di Muad'Dib.

Desideroso di completare le proprie capacità prescienti, Paul decise di assumere anche lui la velenosissima Acqua della Vita, un atto che secondo il credo Bene Gesserit avrebbe dovuto ucciderlo. Rimasto per ben tre settimane in una stato vicino alla morte, egli infine si risveglio e con esso il Kwisatz Haderach in lui. Osservò dunque attraverso lo spazio ed il tempo, rivelando il complotto ordito da Harkonnen ed Imperatore, nonché la grande armata da loro creata per riprendere definitivamente il controllo di Arrakis, della spezia, ed eliminare una volta per tutte Atreides e Fremen. Di rimpetto allora egli ed il suo nuovo popolo boicottarono la produzione di Melange a proprio favore; Alia si fece catturare per essere il più vicino possibile al Barone Harkonnen ed all'Imperatore nel momento in cui, alla guida del Re dei Vermi della Sabbia, Paul attaccò la città capitale di Arrakis. Nel mezzo della confusione dunque Alia uccise il Barone, mentre il fratello catturava e prendeva sotto il proprio controllo l'Imperatore Shaddam e la sua famiglia. Quest'ultimo, impossibilitato alla fuga e notate le imbattili potenzialità del suo avversario, decise allora di abdicare e di concedere secondo usanza la figlia in sposa al nuovo Imperatore. Paul ascese dunque al trono spezzando un ordine durato secoli e secoli, trasformando Arrakis nel nuovo centro galattico e donando al suo impero un nuovo volto ed un nuovo sistema.

Ambientazione Modifica

Secondo quanto riportato nel romanzo, i computer furono banditi in quella che viene riconosciuta come Jihad Butleriana, nonché secondo la Bibbia Cattolica Orangista: "Non ci sarà mai una macchina dotata di una mente somigliante a quella umana" impone la pena di morte per chiunque o qualunque cosa vi vada contro. Così, al posto dei computer, l'umanità creò dei surrogati:

  • I Mentat che attraverso un addestramento intensivo cercano di aumentare le proprie capacità mentali al fine di riuscire a risolvere complessi calcoli logici e strategici. I più importanti tra i Mentat sono addestrati dal Bene Tleilax, motivo per cui Paul Atreides non è considerabile come tale dato che fu addestrato dal Maestro degli Uccisori, nonché Mentat, Thufir Hawat e da sua madre Lady Jessica. In molti casi i Mentat vengono usati anche dal Bene Gesserit.
  • La Gilda Spaziale che controlla il monopolio dei trasporti interstellari. I suoi navigatori utilizzano la prescienza donatagli dal Melange al fine di annullare lo spazio, cosa possibile grazie sia alle loro abilità che all'utilizzo di particolari trasporti a tecnologia Holtzmaneriana i quali permettono di viaggiare ovunque nella galassia.
  • La società matriarcale segreta del Bene Gesserit, più volte indicato come gruppo di streghe, composto da donne dotate di grandi capacità mentali sviluppate in un percorso eugenetico durato secoli e secoli, nonché un addestramento duro noto come prana-bindu. Quando un'accolita del Bene Gesserit sale al rango di Reverenda Madre, cosa fattibile solo attraverso la pratica dell'Agonia, essa acquisisce le memorie ancestrali di tutta la sua cerchia femminile (per quel che riguarda le memorie maschili esse non pervengono alla nuova Reverenda Madre, dato che la mascolinità presente in tali pensieri potrebbe far impazzire la ricevente). L'Agonia avviene attraverso l'assunzione di un veleno estratto dalla bile di un verme della sabbia morente, il quale può portare solo a due conseguenze: l'acquisizione della coscienza mnemonica ancestrale oppure, come pare ovvio, alla morte causata dalla sua alta tossicità.

Ai margini della galassia vivono poi i genetisti Tleilaxu, creatori di mutaforma ed i reincarnati ghola, i Mentat ed ovviamente Ix, pianeta completamente dominato dalla tecnologia ed orfano di una propria storiografia andata oramai perduta. La corporazione CHOAM è la principale sostenitrice dell'economia imperiale, con azioni d'interesse ed infiltrati praticamente in ogni casato nobiliare dell'impero.

Praticamente ogni cosa all'interno della struttura imperiale galattica è sottomessa al Melange: il potere finanziario e militare, il controllo sui viaggi interstellari da parte della Gilda, persino i poteri speciali del Bene Gesserit; ogni cosa.

I linguaggi presenti in tale romanzo e nei sequel sono delle evoluzioni di quelli già presenti negli scritti fantastici di J.R.R. Tolkien.

Temi Modifica

Le conseguenze dovute alle azione di supereroi, nonché le responsabilità dell'umanità, sono un tema ricorrente all'interno degli avvenimenti raccontati in Dune. Infatti, come lo stesso Frank Herbert disse in un'intervista rilasciata all'Omni Magazine il 1980:

"Enormi problemi nascono quando gli errori di un singolo uomo aumentano la propria distruttività perché commessi da un supereroe...Mentre gli eroi possono creare scompiglio, i Supereroi sono una vera e propria catastrofe. Per questo gli errori dei Supereroi alla fine coinvolgono interi popoli!"

L'enfasi utilizzati su temi ecologici e religiosi, così come l'utilizzo di numerose leggende tradizionali provenienti dalle culture più disparate fanno del romanzo un qualcosa di non identificabile puramente come semplice opera di fantascienza.

Per quel che riguarda la politica in Dune possiamo leggere una certa suscettibilità all'influenza della masse da parte della propaganda, dei dogmi religiosi e degli impulsi sessuali, nonché l'importanza dell'autocontrollo e dell'uso calibrato di conoscenza e potere.